Tu sei qui

PTOF

Versione stampabileVersione PDF

Il PTOF, cioè il Piano Tiennale per l’Offerta Formativa, è la carta d’identità con cui la scuola si definisce nei confronti delle famiglie, degli studenti e della realtà locale e costituisce la base per gli impegni reciproci da assumere per realizzare la “mission” della scuola.

Il PTOF, infatti:

  • illustra la struttura, l’organizzazione della scuola e le attività che vi si svolgono
  • presenta tutti i progetti, le attività e i servizi offerti dall’istituto
  • illustra le modalità e i criteri per la valutazione degli alunni e per il riconoscimento dei crediti
  • descrive le azioni di continuità, orientamento, sostegno e recupero corrispondenti alle esigenze degli alunni concretamente rilevate.

Rispetto alla tradizionale struttura e alle modalità di elaborazione del PTOF,  la legge 107/2015 ha introdotto sostanziali modifiche rispetto al passato quando il priano aveva una cadenza annuale:

  1. Anzitutto, a partire dall’a.s. 2016/17 il POF è diventato triennale (ma può essere rivisto annualmente) e dunque PTOF e va definito entro il mese di ottobre dell’anno scolastico precedente al triennio di riferimento.
  2. Diversamente da quanto previsto dal T.U. 297/1994 e dal DPR 275/1999, è il Dirigente Scolastico, mediante l’emanazione di un Atto di Indirizzo del Dirigente scolastico  a definire gli obiettivi e finalità del Piano, il piano viene poi elaborato dal Collegio dei Docenti e approvato dal Consiglio di Istituto.
  3. Il PTOF tiene conto delle previsioni dell’art. 1, c. 7 della Legge 107, in particolare per quanto riguarda il potenziamento delle competenze linguistiche, matematico – logiche, scientifiche, lo sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica, l’alfabetizzazione all’arte, il potenziamento delle discipline motorie, lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti, la prevenzione e il contrasto della dispersione scolastica, i percorsi dell’alternanza scuola – lavoro per gli Istituti di Secondaria di Secondo Grado.
  4. Il PTOF deve, inoltre, contenere i piani di miglioramento delle istituzioni scolastiche, individuati dopo una compiuta analisi del Rapporto di Autovalutazione (RAV), utilizzandone i dati e operando le necessarie scelte.
  5. Oltre a quanto elencato in precedenza, nel Piano triemnnale dell’Offerta Formativa devono essere indicati anche:
  • il fabbisogno di posti comuni e di sostegno, sulla base del monte orario degli insegnamenti,con riferimento anche alla quota di autonomia dei curricoli e agli spazi di flessibilità, nonché del numero di alunni con disabilità, ferma restando la possibilità di istituire posti di sostegno in deroga,
  • il fabbisogno dei posti per il potenziamento dell’offerta formativa,
  • il fabbisogno relativo ai posti del personale amministrativo, tecnico e ausiliario,
  • il fabbisogno di infrastrutture e attrezzature materiali.
Accesso alla sezione Carta del docente
Logo ClasseViva Registro Elettronico
Logo Pago in Rete
Logo SPID
Logo Scuola in chiaro accesso
Logo Scuola & Territorio
Logo scuola amica 15/16
Logo scuola amica 17/18
 
Liceo Enrico Fermi Salò (BS)
Dirigenza e Amministrazione: Via Martiri delle Foibe,8 -25087 Salò (BS) Italia
tel. +39 0365 209 57 - mail: bsps05000x@istruzione.it PEC: bsps05000x@pec.istruzione.it
CF: 87002130174 - CM: MNIC82700X - Codice IPA: istsc_bsps05000x - Codice Univoco ufficio: UF71Q5
Data Protection Officer:Sig. Fabio Odelli  Contatti: rpd.scuole@gmail.com
a cura di Mario Varini - EUCIP IT Administrator certified.
CMS Drupal ver. 7.74 del 18/11/2020 agg. 23/11/2020

Sito realizzato nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web
Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia

Licenza Creative Commons

Il modello di sito è rilasciato sotto licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - 3.0 Italia
Condividi allo stesso modo per permetterne la diffusione e il riuso liberi
con citazione degli autori e con l'indicazione che potrà essere utilizzato dalle scuole italiane che ne faranno richiesta.

Per informazioni, solo se appartenenti a Pubblica Amministrazione, contattare Mario Varini con e-mail istituzionale (@istruzione.it)